Stampa

“PretenDiamo Legalità” la polizia all’istituto “Leopardi”

Scritto da Google News. Postato in Pari Opportunità

image

Incontro “PretenDiamo Legalità”

“PretenDiamo Legalità” con la polizia di Stato: è questa l’iniziativa a cui hanno preso parte alunni e alunne della scuola secondaria di primo grado di Sarnano, Gualdo, Monte San Martino e Penna San Giovanni. Nei giorni scorsi, con una  videoconferenza in cui hanno partecipato il vicequestore capo gabinetto Edoardo Polce, l’ispettore della polizia stradale Stefano Ronconi e l’ ispettore della polizia postale Claudio Tarulli, l’ istituto comprensivo “G. Leopardi” ha promosso la diffusione della cultura della legalità, del rispetto delle regole e del corretto utilizzo della rete internet e i valori della Costituzione.

La dirigente scolastica, Maura Ghezzi, nel saluto iniziale ha evidenziato come la scuola è sempre attenta nei confronti di situazioni che denotano problemi di relazioni tra i giovani alunni e alunne che possono condurre a situazioni di atteggiamenti aggressivi e sottolinea l’ importanza di instaurare un dialogo sempre più aperto al confronto tra scuola e famiglia al fine di gestire e superare al meglio eventuali problemi di comportamento da parte dei ragazzi e delle ragazze.

 

imageGli alunni e le alunne della scuola secondaria di primo grado hanno avuto l’ occasione di confrontarsi con gli esperti coinvolti che hanno ribadito l’ importanza del rispetto delle regole in tutti i contesti della quotidianità, dal codice della strada alla navigazione in rete, invitando tutti i ragazzi alla massima responsabilità individuale in ogni contesto. La dirigente scolastica ha ringraziato per questo il Vicequestore capo gabinetto Polce Edoardo, l’ispettore Polizia stradale Ronconi Stefano, l’ispettore Polizia postale Tarulli Claudio, la prof.ssa Prugni Eleonora per l’organizzazione e tutti i docenti che ogni giorno lavorano in classe con le ragazze e i ragazzi cercando di fornire loro competenze, contenuti e strumenti per costruire un futuro di uguaglianza e pari opportunità, nel rispetto dei diritti di ciascuno.

 

Fonte (click per aprire)

Aggiungi commento

I commenti sono soggetti a moderazione prima di essere pubblicati; è altrimenti possibile avere la pubblicazione immediata dei propri commenti registrandosi ed effettuando il login.


Codice di sicurezza
Aggiorna