Stampa

CON LA PANDEMIA COVID-19 MEZZO MILIONE DI RAGAZZE IN PIÙ RISCHIANO DI ESSERE OBBLIGATE AL MATRIMONIO INFANTILE NEL 2020

SAVEtTHECHILDREN

TORONTO, ON - 1 ottobre 2020: Si stima che circa 500.000 ragazze in più rischiano di essere costrette a sposarsi, e si prevede che un altro milione di ragazze resteranno incinte nel 2020 a causa dell'impatto economico della pandemia COVID-19. Una nuova analisi di Save the Children rivela un aumento del tre e quattro per cento rispetto all'anno precedente.

L'aumento si aggiunge alle già esistenti stime dei tassi di matrimonio infantile, che prevedevano 12 milioni di ragazze costrette a sposarsi quest'anno. Se da un lato questo aumento rappresenta una stima prudente, dall'altro segna un significativo aumento dei tassi di matrimonio infantile, con un previsto picco di gravidanze in età adolescenziale e di abbandoni scolastici a seguire.
L'aumento è destinato a invertire 25 anni di progressi, che hanno visto diminuire i tassi di matrimonio infantile.

Nel suo nuovo rapporto Global Girlhood 2020: COVID-19 e i progressi vanificati, Save the Children ha analizzato l'impatto di COVID-19 sull'uguaglianza di genere, rivelando i suoi effetti devastanti.

Si prevede che nei prossimi cinque anni si sposeranno fino a 2,5 milioni di altre ragazze. Insieme ai 58,4 milioni di matrimoni di bambini che si svolgono in media ogni cinque anni, ciò equivale a uno sbalorditivo numero di matrimoni di 61 milioni di bambini entro il 2025.

Le ragazze dell'Asia meridionale risentono in modo sproporzionato del rischio di un aumento dei matrimoni tra bambini quest'anno (191.000), seguite dall'Africa occidentale e centrale (90.000), dall'America Latina e dai Caraibi (73.400). Si prevede un aumento anche in Asia orientale e nel Pacifico (61.000), in Europa e in Asia centrale (37.200), in Medio Oriente e in Nord Africa (14.400).

Il rischio di gravidanza adolescenziale nel 2020 è più elevato per le ragazze dell'Africa orientale e meridionale (282.000), seguite dall'Africa occidentale e centrale (260.000) e dall'America latina e dai Caraibi (181.000).

"La pandemia significa che più famiglie sono spinte nella povertà, costringendo molte ragazze a lavorare per sostenere le loro famiglie e ad abbandonare la scuola, con molte meno possibilità dei ragazzi di tornare", ha detto Bill Chambers, presidente e amministratore delegato di Save the Children. "Un crescente rischio di violenza e sfruttamento sessuale combinato con la crescente insicurezza alimentare ed economica - specialmente nelle emergenze umanitarie - significa anche che molti genitori sentono di avere poche alternative se non quella di costringere le loro giovani figlie, prima del loro 15° compleanno, a sposare uomini più grandi. Questi matrimoni violano i diritti delle ragazze lasciandole a rischio di violenza di genere".

Il rapporto dimostra inoltre questi interessanti aspetti:

- 78,6 milioni di matrimoni tra bambini sono stati evitati negli ultimi 25 anni, ma anche prima della pandemia i progressi per porre fine a questa pratica sono rallentati.

- Anche se i dati sono limitati, le ragazze colpite da crisi umanitarie sono quelle che corrono i maggiori rischi di matrimonio infantile. Nove dei dieci Paesi con il più alto tasso di matrimoni tra bambini sono considerati Stati fragili.

- La pandemia ha portato a un aumento delle segnalazioni di violenza di genere in tutto il mondo. Si stima che una ragazza su dieci abbia subito uno stupro o una violenza sessuale a livello globale.

- L'ONU prevede che nei prossimi 10 anni, a seguito della pandemia, si verificheranno altri due milioni di casi di mutilazioni genitali femminili (MGF), che colpiranno soprattutto le ragazze sotto i 14 anni.

CONTINUA A LEGGERE:  IL RAPPORTO  Global Girlhood 2020: COVID-19

COVID-19 places half a million more girls at risk of child marriage in 2020 (Save the Children)

Mai più spose bambine    @maipiusposebambine Community