Stampa

FAME: FAO, PUNTARE SULLE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMINI E DONNE

(ANSA) - ROMA, 15 OTT - ''Lo sradicamento della fame passa
attraverso lo sviluppo delle pari opportunita' tra uomini e
donne''. Questo il messaggio del direttore generale della Fao,
Jaques Diouf che ha commentato il rapporto congiunto Fao, Banca
Mondiale e Ifad sulle donne in agricoltura, presentato alla
vigilia della Giornata Mondiale dell'Agricoltura 2008 alla Fao.
La ricerca analizza la disparita' di genere nella conoscenza,
nella tecnologia, nell'accesso al credito, ai terreni e agli
investimenti che dividono uomini e donne nel mondo. Differenza
ancora piu' sentita nel settore agricolo, in particolare nei
Paesi poveri e in via di sviluppo, dove la forza lavoro e'
costituita soprattutto da donne, come nel caso dell'Uganda, dove
il 75% dei produttori agricoli e' donna.
Il rapporto analizza oltre 30 casi arrivando alla conclusione
che i mancati investimenti in progetti agricoli rivolti alle
donne causano una mancanza di sviluppo. Per esempio, in Kenya,
se le donne avessero lo stesso accesso degli uomini ai fattori
produttivi e all'istruzione, i rendimenti di molte coltivazioni
potrebbero aumentare del 22%.
Uno degli obiettivi, per la Banca Mondiale e' quello di
indirizzare entro il 2010 almeno la meta' dei progetti di
sviluppo rurale ad attivita' in cui siano comprese azioni in
favore delle donne. Mentre l'Ifad che gestisce i progetti di
sviluppo agricolo nel Paesi poveri sottolinea che ''le attivita'
dirette dalle donne producono miracoli virtuali''.(ANSA)
15-OTT-08 12:36

CASSAZIONE: STUPRI A ROMA, COMUNE HA DIRITTO AL RISARCIMENTO
(ANSA) - ROMA, 15 OTT - Il Comune di Roma ha le carte in
regola per costituirsi parte civile e chiedere il risarcimento
dei danni agli stupratori nei processi per violenze sessuali
avvenute nella capitale perche' gli scopi primari, fissati nello
statuto del Campidoglio, comprendono anche forme di tutela per
le donne. Inoltre la capitale, per attuare questo obiettivo
statutario, ha assunto iniziative concrete per contrastare le
aggressioni alle donne come la creazione di un centro
antiviolenza. Lo sottolinea la Cassazione accogliendo un ricorso
del Campidoglio, estromesso da un processo per stupro dalla
Corte di Appello di Roma con sentenza del 12 dicembre 2006.
''Gli abusi sessuali ledono non solo la liberta' morale e
fisica della donna - spiegano gli 'ermellini' nella sentenza
38835 - ma anche il concreto interesse del Comune di preservare
il territorio da tali deteriori fenomeni avendo lo stesso posto
la tutela di quel bene giuridico come proprio obiettivo
primario''. Adesso l' amministrazione capitolina ha il pieno
diritto a chiedere il risarcimento dei danni a un uomo di 31
anni, Simone C., che, sotto effetto della cocaina, violento' una
donna di 69 anni causandole lesioni e opponendo resistenza ai
carabinieri. (ANSA). 15-OTT-08 14:32